lunedì 23 gennaio 2006

Etcetera

... sono distratto, spesso incostante. Non ascolto chi mi parla oppure ascolto due conversazioni contemporaneamente. Non mi concentro. Sono nervoso. Mi imbarazza guardare negli occhi la gente. Sembro sempre sul punto di andarmene. Ho l'aria di chi pensa sarebbe meglio essere da un'altra parte. Mi vergogna il contatto fisico. Faccio domande e non aspetto la risposta. Rispondo a domande non rivolte a me. Parlo in fretta. Mi esalto e mi deprimo con la stessa velocità. Vivo in uno stato di media insoddisfazione. Ho bisogno di continue conferme. Faccio domande a raffica perché mi agita il silenzio. Tratto tutti con distanza. Gioco male a scacchi. Mi stufo in fretta. Sono noioso. Ripeto più volte le stesse storie e sempre con le stesse parole. Mantengo dei giudizi stabili per più di dieci anni. Sono incline ai pregiudizi violenti. Non mi sfogo. Mi angosciano le pause al telefono. Ho sempre l'idea di dire cose poco interessanti in modi poco interessanti. Ho il sospetto che certe cose piacciano solo a me. Vorrei che certe cose piacessero solo a me. Quando certe cose piacciono a me e a qualcuno che non mi piace, le stesse cose non mi piacciono più. Sono pauroso. Mi spaventano i controllori e le figure autoritarie. Non sono sciolto, cioè sono rigido. In molti sensi. Mi illudo di avere una mente elastica ma mi fisso sui soliti due o tre concetti. Ho complessi di inferiorità e di superiorità contemporaneamente. Non prendo seriamente le cose che mi interessano. Scherzo sulle cose più atroci. Non vado mai a fondo. Rimando tutte le decisioni. Ho la tendenza alla compulsione televisiva. Sono troppo snob per guardare la televisione. Mi appassiono a serie televisive giapponesi misconosciute per potermene vantare in pubblico. Sono ossessionato dalla caduta dei capelli, dal diventare sordo, dalla perdita dei denti e della vista. Sono a disagio con le persone che non conosco bene e spesso anche con quelle che conosco bene. Non mi metto in gioco, anche se dico di sì. Faccio cose che se le facessero a me mi offenderei a morte. Ho spesso la sensazione di aver fatto o detto qualcosa di sbagliato. Quando conosco qualcuno di nuovo penso "che cosa vuole da me?". Quando discuto sono aggressivo. Esibisco una stronzaggine consapevole molto più spesso e molto meno spesso di quanto vorrei. Quando posso, metto le mani avanti, ossia sono un vero paraculo...